La Cantina Sostenibile

Solar panels on the roof of a house with blue sky
La nuova cantina. Sono passati sette anni da quando sono state prodotte le prime bottiglie de La casa di Sophia 2011. Ad agosto 2017 La casa di Sophia, con la sua nuova cantina, si è qualificata come cantina biologica. Il vecchio fienile, precedentemente restaurato, è oggi il magazzino dove i vini vengono imbottigliati e maturati.

La nuova cantina. Sono passati sette anni da quando sono state prodotte le prime bottiglie de La casa di Sophia 2011. Ad agosto 2017 La casa di Sophia, con la sua nuova cantina, si è qualificata come cantina biologica. Il vecchio fienile, precedentemente restaurato, è oggi il magazzino dove i vini vengono imbottigliati e maturati.

Facciamo qualche passo indietro: nel 2012 ho progettato la costruzione di una Cantina Eco-friendly dove il mosto (uva pigiata) potesse fermentare nei tini al riparo dal sole e dal vento. Dal mio schizzo di base Peter Moll ha disegnato il primo disegno della struttura in legno.

Il progetto è stato pianificato nei dettagli insieme all'agronomo dott.ssa Magda Fava. Dopo l'approvazione da parte di sette autorità pubbliche, i lavori sono iniziati nell'estate del 2015. Sono state coinvolte diverse aziende e il tutto è stato finalizzato a luglio 2017.

La struttura architettonica della cantina, ricavata all'interno del giardino antistante la casa, riprende la forma a parallelepipedo delle antiche case coloniche dell'isola di Sant'Antioco. Il tetto inclinato è realizzato con pannelli di legno rivestiti da una guaina di sughero. Le tegole arrotondate sono posizionate su un “telaio a listelli” per garantire la ventilazione. I materiali da costruzione. come il legno (utilizzato per lo scheletro della struttura, il tetto e il telaio), il rivestimento in sughero (un isolante naturale), le tegole e le canne, sono naturali ed ecologici. Le canne sono montate all'interno del telaio del tetto per consentire la ventilazione e proteggere il mosto e l'uva dal sole e dal caldo. Ogni bastone è stato misurato e tagliato a mano per adattarsi. È stato inoltre installato un sistema di riciclo dell'acqua che consente di utilizzare le acque reflue per l'irrigazione degli ulivi.

La costruzione di questo progetto ha richiesto due anni e mezzo. La stretta collaborazione di Magda e dei suoi assistenti ha permesso di superare una serie di ostacoli incontrati lungo il percorso. Ho coordinato 3e seguito il progetto in tutte le sue fasi.

Questo progetto è dedicato a Magda Fava scomparsa il 31 gennaio 2017.

I nostri vini

Il gusto dei vini La Casa di Sophia, Mangiabarche e Istmo fonde il sapore dell'uva, le mani esperte di chi se ne prende cura, la terra, l'aria salmastra e la piena consapevolezza della loro fragilità. Il nostro vino non ha segreti.

Saperne di più